mercoledì 12 dicembre 2012

(12.12.2012) una data è una soglia


il Centro Studi Franco Fortini di Siena e la Libreria La Zona presentano
“(12.12.2012) una data è una soglia”

mercoledì 12 dicembre 2012 alle ore 19
Datari del fotografo Patrizio Esposito – progetto Milano, quattro secondi
e
sabato 15 dicembre alle ore 18
proiezione del film 12 dicembre di Pasolini e Bonfanti
a seguire conversazione con
Luca Lenzini, Luca Baranelli e Antonio Prete

Gli accadimenti si svolgeranno presso la Libreria La Zona via Provenzano Salvani 8.


Il 12 dicembre del 1969 una bomba ad alto potenziale e di matrice neofascista esplode nella Banca Nazionale dell’Agricoltura di Milano provocando 17 morti e 84 feriti.
Il 15 dicembre del 1969 Giuseppe Pinelli precipitò dal quarto piano della questura di Milano pochi minuti dopo la mezzanotte. Ferroviere di quarantun anni, storico dirigente del Circolo anarchico Ponte della Ghisolfa, era stato fermato e portato in questura la sera del 12 dicembre, qualche ora dopo la strage di piazza Fontana, e trattenuto illegalmente. Quattro secondi è il tempo di caduta al suolo di Giuseppe Pinelli dalla finestra-balcone della questura. 

I Datari, lavoro di P. Esposito dedicato a Pinelli e al crinale storico che porta il suo nome, contengono le date degli anni trascorsi dal 12/12/69 e dal 15/12/69 ad oggi. Sono mostrati in contemporanea in sei città: Topolò, Palermo, Macerata, Napoli, Milano e a Siena presso la Libreria La Zona in via Provenzano Salvani 8.



“(12.12.2012) una data è una soglia” è il titolo della due giorni senese organizzata dal Centro Studi Franco Fortini in collaborazione con la Libreria La Zona Interno4.
L'iniziativa prosegue il 15 dicembre alle ore 18 con la proiezione del film 12 dicembre di Pier Paolo Pasolini in collaborazione con Lotta Continua,  distribuito da NdaPress.
Seguirà una conversazione con Luca Lenzini, Luca Baranelli e Antonio Prete: perché una data è una soglia … da attraversare.

“In Milano, quattro secondi, [...] una molteplicità di luoghi e di strumenti – dal digitale al manufatto, dai quaderni di «alfabeto urbano» a pezzi unici in consegna a testimoni esemplari – cospira per una scena essenziale, scarna e antiretorica, e però popolata da una eco collettiva, che si riattiva per un contrappunto di piani opposti e dialettici, necessari ed elementari: luce/ombra, alto/basso, pieno/vuoto. Il luogo è un luogo (cantiere o magazzino), non un monumento; una data è una soglia (12.12.12) e i numeri incisi non una lapide ma segnali per chi s’addentrerà nel bosco, nel tunnel o nel deserto.”  (Luca Lenzini, Centro Studi Franco Fortini di Siena,  sabato 8 dicembre su Alias, inserto culturale del Manifesto).

lunedì 10 dicembre 2012

BORSE STORTE


le BORSE STORTE sono gli ultimi lavori realizzati da Riuscita Sociale!
disponibili nella nostra libreria!

Acquistando una Borsa Storta al prezzo base di euro 12,00 contribuirai a sostenere il lavoro di questa importante realtà presente a Siena. 

Riuscita Sociale è una cooperativa fondata nel 1980, oggi è una realtà efficiente, frequentata giornalmente
da persone diversamente abili, affiancate da maestri d’arte, soci volontari, educatori e collaboratori.
Questo modo di fare comunità ha prodotto un alto profilo nei servizi socio-educativi, di recupero di handicap psico-fisici e una valorizzazione artistica, del laboratorio di ceramica: ogni oggetto è un pezzo unico, passato fra le molteplici mani del tornitore, dei decoratori, dei maestri d’arte …
Quello che stiamo sperimentando negli anni, oltre all’accoglienza è il mescolare coloro che lavorano in cooperativa con il mondo esterno, con spazi pubblici, scuole, eventi esterni, per dare dignità e cittadinanza
a chi con entusiasmo e serietà coopera tutti i giorni nel nostro laboratorio artistico.


Vieni a trovarci e a conoscere il nostro progetto
Tel 0577 219090
Cooperativa Riuscita Sociale, Via E. S. Piccolomini 168, (zona Valli), Siena

Sermone ai cuccioli della mia specie

Sermone ai cuccioli della mia specie
di Mariangela Gualtieri
Teatro Valdoca Editore
cd audio + libro

È questo il CD di esordio di una poetessa che ha fatto della vocalità la propria cifra. In esso si fissa un’esperienza singolare di equilibrio fra mano che scrive e voce che interpreta, forte del percorso compiuto in teatro e grata alla lezione di molti maestri della parola detta e scritta. Mariangela Gualtieri incide su CD i propri versi a cominciare dal Sermone, per proseguire in futuro con le altre raccolte.

Disponibile nella nostra libreria! 
prezzo di copertina euro 12,00

Teatro Valdoca

Un buon libro con il tè giusto!

Dal giorno 8 al giorno 24 dicembre La Zona e MondoMangione si incontrano!


A MondoMangione (Via Pantaneto, 96/98) potrete trovare una selezione di alcuni testi su turismo responsabile, nuovi stili di vita, consumo critico.
Alla libreria La Zona (via Provenzano Salvani, 8) invece potrete abbinare un buon libro con tè, cioccolata, tisane e altri prodotti equi e solidali.

Continua così la collaborazione tra due soggetti che lavorano e promuovono prodotti diversi ma accomunati dalla ricerca della qualità (dei contenuti, dei materiali e della vita!): equo solidale a braccetto con la piccola e media editoria per queste feste, perchè i nostri consumi ed il nostro modo di consumare determinano i mercati!



mercoledì 5 dicembre 2012

presentazione del libro Hora di bai di Manuel Ferreira

Giovedì 13 dicembre ore 18,30

Hora di bai
di Manuel Ferreira, Vittoria Iguazu Editora

Ne parlano:
Elisa Scaraggi, Riccardo Greco e Roberto Francavilla


Hora di bai è un’importante opera, testimonianza della letteratura lusofona, i cui temi sono transitati nella nostra cultura attraverso la musica di Cesária Évora, la cantante simbolo di Capo Verde scomparsa recentemente.

Capo Verde è un arcipelago afflitto da una nuova siccità e a farne le spese è il popolo, costituito soprattutto da contadini e piccoli allevatori.
Nelle vite dei personaggi, il giovane Chico Afonso o nha Venância, sembra riassumersi la tensione di un intero popolo, sempre in bilico tra il desiderio di partire e la necessità di restare. Molti si imbarcano verso altre isole dell’arcipelago con la speranza di trovare terre più fertili e genti meno falcidiate dalla fame, ma chi si dirige verso l’arcipelago di São Tomé e Príncipe, troverà ad attenderli il lavoro forzato nelle monocolture del caffè e del cacao. Chi rimane, invece, dovrà aspettare con fiducia e rassegnazione l’arrivo delle piogge.


Hora di bai è un romanzo sociale dotato di una colonna sonora fatta di mornas e di coladeiras, intrise di malinconia, di speranza, di dolcezza o, per usare espressioni locali, di sodade e di morabeza.
Il libro è un prezioso documento storico e, al contempo, la lucida testimonianza di un dramma all’epoca totalmente ignorato dalla comunità internazionale.

Al termine della presentazione sarà offerto un aperitivo con prodotti equo-solidali, a cura di Mondo Mangione, cooperativa sociale di consumatori critici.


Note
Manuel Ferreira: all'inizio degli anni '40, un giovane intellettuale portoghese approdava, come recluta di un distaccamento militare, sull'arcipelago di Capo Verde, non sapeva ancora che il destino gli avrebbe riservato avvenimenti in grado di sovvertire la propria biografia in maniera radicale. Nel volgere di pochi anni, infatti, assumendo per osmosi i tratti identitari dell'abitante delle isole, ovvero quel codice caratteristico che prende il nome di caboverdianidade, e vivendo appieno il contatto con l'humus, con il sostrato umano e intellettuale dell'arcipelago, Manuel Ferreira si era di fatto trasformato in uno scrittore capoverdiano a tutti gli effetti. A irrobustire questo viscerale processo di integrazione e di fusione con il luogo aveva sicuramente contribuito la convivenza con Orlanda Amarilis, compagna di tutta una vita e una delle maggiori rappresentanti della narrativa isolana.


lunedì 26 novembre 2012

ISOLE: proiezione del doc "Stateless" + incontro [30.11.2012]

ISOLE  presenta:

venerdì 30 novembre, ore 21
presso Siena Art Institute, via Tommaso Pendola 37 (ingresso libero)

"STATELESS - Shousha refugee camp"
un documentario di Mauro Mondello e Nunzio Gringeri
(Italia 2012, durata 33 min.)

“In nome del popolo italiano”
un doc breve di Stefano Liberti e Gabriele Del Grande prodotto da Zalab
(Italia 2012, durata 7 min.)

Alla proiezione seguirà l'incontro pubblico con il regista Mauro Mondello e, in videoconferenza, Gabriele del Grande.

Scarica il comunicato stampa
Scarica la locandina di Stateless
Scarica la scheda del corto Zalab
Visita il blog di Stateless

L’iniziativa s’inserisce nel progetto ISOLE e fa seguito agli incontri e alle rassegne promosse durante tutto l’anno dalla libreria la Zona in collaborazione con numerose realtà locali e nazionali (tra gli altri, Visionaria, Associazione Europa ‘51, Zalab, Camera a Sud); ma segna anche l'inizio di una nuova collaborazione tra tre spazi privati della città, quali la Libreria La Zona, la Galleria FuoriCampo e il Siena Art Institute, per la creazione di un'offerta culturale condivisa, partecipata e trasversale, che abbia come obiettivo la promozione di un dibattito sul cittadino e sulla società contemporanea.

“Stateless” racconta la storia di migliaia di profughi che ancora oggi sono bloccati nel campo di Shousha, al confine tra Libia e Tunisia, allestito dall’UNHCR (Alto Commissariato per i Rifugiati delle Nazioni Unite) nel marzo 2011 all’indomani dello scoppio della guerra civile libica. Con uno sguardo partecipe e un linguaggio diretto vengono affrontati i problemi quotidiani, la realtà di uomini e donne “senza stato”, sospesi tra la speranza di ottenere asilo politico in nazioni terze o far ritorno ai propri paesi d’origine e la scelta forzata di tentare la fuga per mare in condizioni limite.

Assieme a “Stateless” verrà proiettato il corto “Nel nome del popolo italiano”, di Stefano Liberti e Gabriele Del Grande, prodotto da Zalab in collaborazione con Open Society Foundations. Si intende così mostrare l’altra faccia della medaglia, ossia la situazione di persone detenute al CIE di Roma (centro di identificazione e espulsione), in attesa di essere allontanate dall’Italia; attesa che spesso si protrae per mesi, nella totale mancanza di certezze e garanzie. Attraverso gli occhi e le voci di padri di famiglia, lavoratrici, ragazzi e ragazze nati in Italia, si getta luce sulla situazione di chi, pur non avendo commesso alcun reato, vive sulla propria pelle la condizione di recluso, con il beneplacito delle istituzioni e il tacito consenso dell’opinione pubblica.

La serata sarà anche l’occasione per tutti di porre domande dirette ai protagonisti sulla realizzazione dei film e sul loro lavoro, nonché per riflettere sulla professione del reporter indipendente, che sceglie di impegnarsi in prima persona, facendosi tramite attivo di storie e testimone diretto di situazioni difficili in varie parti del mondo.

Mauro Mondello
Mauro Mondello (nato a Messina nel 1982) è giornalista free-lance e scrittore. Tra il 2008 e il 2010 ha lavorato come corrispondente dal Sud America per Peace Reporter e Latinoamerica di Gianni Minà. Ha collaborato come inviato per Radio 3 e i suoi reportage sono stati pubblicati su Avvenire, Left e Il Riformista. Dal 2011 segue le rivoluzioni arabe viaggiando attraverso Siria, Libia, Tunisia ed Egitto.
 

Gabriele Del Grande
Gabriele Del Grande (nato a Lucca nel 1982) è viaggiatore, scrittore e giornalista indipendente. Nel 2006 ha fondato l’osservatorio sulle vittime della frontiera Fortress Europe e gestisce l’omonimo blog (fortresseurope.blogspot.it), che conta ogni giorno più di duemila click. Ha collaborato con la Rai, Rtsi, L’Unità, Jungle World, Taz, Redattore Sociale, Narcomafie, Peace Reporter e altri. Autore di numerosi libri, tra cui “Mamadou va a morire” (2007) e “Il mare di mezzo” (2010), ha collaborato con Andrea Segre e Zalab alla redazione del libro+DVD “Come un uomo sulla terra” (2009).


per maggiori info:
Lorenzo 329.4122420
lazona@interno4.com

Vi aspettiamo!

martedì 6 novembre 2012

LE PASIONARIE - Storie di donne che hanno cambiato il mondo

Sabato 10 novembre ore 18
presentazione del libro

Le Pasionarie - Storie di donne che hanno cambiato il mondo, Felici Editore
di e con Giovanna Frisoli e Amerigo Sallusti

Conversano con gli autori:
Pina Sangiovanni - gruppo informale Presenti/Differenti La parola alle donne
Gabriella Rustici - centro culturale delle donne Mara Meoni

Il libro: l’idea è nata dopo alcune riflessioni fatte in merito alla condizione della donna oggi in Italia, di come viene utilizzata e propagandata l’immagine della donna dai mass media. Gli autori dunque hanno fatto una ricerca storica per raccontare di come in passato le donne hanno contribuito con passione a cambiare questa società, tutta la società.

Il libro racconta le vite di Anna Kuliscioff, Alessandrina Ravizza, Gisella Floreanini, Teresa Noce e de Le mujeres libres, donne spagnole attive durante la guerra civile degli anni ’30/’40.


Giovanna Frisoli è diplomata alla scuola di Cinema di Milano e laureata in Lettere Moderne. Regista di documentari, insegna comunicazione multimediale in una scuola civica milanese. Già autrice del libro La lunga Resistenza operaia contro il fascismo, ed. Arterigere 2007.

Amerigo Sallusti è autore di documentari e scrive su riviste dedicate al lavoro. Sindacalista della CGIL, studioso delle sinistre comuniste, in particolare quella tedesca e olandese e delle culture del conflitto. Già autore del libro La lunga Resistenza operaia contro il fascismo, ed. Arterigere 2007. 

Felici Editore 
Presenti/Differenti 
centro culturale delle donne Mara Meoni 

martedì 23 ottobre 2012

IN/TER/CAPEDINI

Sabato 27 ottobre ore 17,00 
la Libreria La Zona è lieta di presentare la mostra di:

Marco Acquafredda
IN/TER/CAPEDINI
a cura di Niccolò Kirschenbaum

La visita proseguirà presso "Tre Cristi Enoteca Ristorante" vicolo Provenzano 1/7 e la Corniceria "La Bottega" via Cecco Angiolieri 38.


Un percorso artistico diviso in tre tappe sequenziali che attraverso i lavori degli ultimi anni di Acquafredda illustra la nascita del pensiero creativo dal simbolico al concreto. Tre momenti nel tempo, tre dimore di anime, tre spazi apparentemente divisi tra di loro da significati e vocazioni diverse per l'occasione sensibili come spazi altri alla manifestazione di iniziative di pensiero contemporaneo.

 dal 27 ottobre al 30 novembre 2012






Sedi e orario:
Libreria La Zona via Provenzano Salvani 8 lun-sab 10-13/15-19,30
Tre Cristi Enoteca Ristorante vicolo Provenzano 1/7 lun-sab 12-15/19-22,30
La Bottega delle Cornici via Cecco Angiolieri 38 lun15-19,30 mar-sab 9,30-13/15-19,30

Marco Acquafredda nasce a Siena nel 1977. Frequenta la sezione di pittura presso l’Istituto d’Arte “Duccio di Boninsegna” dove si diploma nel 1997. In seguito si iscrive presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze nella scuola di Pittura del Prof. G.Ulivi diplomandosi con il professore di pittura A. Granchi nel 2001 con la Tesi in Storia dell’Arte “Hecce Heccetera, Marcantonio Tanganelli”. Dal 2005 insegna educazione artistica, disegno, storia dell’arte e discipline pittoriche in alcune scuole Medie e Superiori di Siena e provincia. Si interessa di allestimenti di vario genere, i suoi lavori sono contaminazioni di pittura, disegno, fotografia, assemblaggi di materiali poveri il cui contenuto riflette suggestioni dal mondo naturale. 

Mostre recenti 
2010 
18 Giugno, “Mirabilia” Accademia dei Fisiocritici, Piazzetta Silvio Gigli, Siena 
18 Giugno, Presentazione del volume “Marco Acquafredda-Una conversazione” Edito da Gli Ori, Pistoia, 

2009 
2 Agosto-22 Agosto “Manifestarsi”, Marco Acquafredda, Filippo Galgani, Spazi pubblicitari, Siena ,a cura di Michela Eremita, S. Maria della Scala, Servizi Educativi, Siena 
1 Ottobre-31 Ottobre “Ex Temporalia” Marco Acquafredda, Paolo Barbagli, Daniele Sasson Palazzo Chigi Zondadari, Piazza Chigi 2, S.Quirico, (SI) 
9 Ottobre-9 Novembre “Deliverance,”, A group show: Marco Acquafredda, Pietro Capogrosso, Bruna Esposito, Cie Iio, Federico Fusi, Marco Fedele di Catrano, Romeo Giuli, Kazuya Komagata, Alberto e Kimberly Rivera, Fabrizio e Angela Tiezzi. Inner room Fusi&Fusi, Via delle Terme, Siena 
Dal 13 Novembre “Sic!” Marco Acquafredda, Xochitl Giancaterino, “Sic!” Libreria caffetteria, Via Pantaneto 107-109, Siena

lunedì 22 ottobre 2012

Presentazione del libro "Maria De Filippi ti odio" | 26.10.2012

Venerdì 26 ottobre  ore 18,00

Presentazione del libro
“Maria De Filippi ti odio. Per un’ecologia dell’immaginario televisivo.
Con un'intervista a Marc Augé"
Ed. CaratteriMobili

di e con Carmine Castoro
Modera Giulia Maestrini


Il libro racchiude il tentativo di scardinare, con l’ausilio della filosofia, la grammatica di certi programmi di grande audience, visti come epicentro di un immaginario televisivo ormai anacronistico, devastante, da sostituire con un nuovo modo «ecologico» di pensare l’uso e l’impatto dei media sulle nostre vite già fin troppo spettacolarizzate.


Una critica al vetriolo sulle logiche di retrovia, i meccanismi di falsificazione, i linguaggi di massa, il grande inganno dell’intrattenimento “facile” che hanno trasformato i suoi format in centri di raccolta e smistamento delle nostre identità, sempre più bisognose degli scintillii della televisione per consistere e sopravvivere di fronte all’anonimato dilagante.

Scarica il comunicato stampa

lunedì 15 ottobre 2012

Presentazione corso di alfabetizzazione visiva | 19.10.12

venerdì 19 ottobre ore 18,30

Merenda pane, frittata e ..."Buona visione"

Presentazione del corso di alfabetizzazione visiva,
a cura dell'associazione Darte
docente Daniele Marotta


L'associazione culturale Darte e Daniele Marotta, fumettista e studioso di cultura pop, vi propongono “Buona Visione”, un corso di alfabetizzazione visiva che si terrà a partire da questo mese in libreria.

Il corso si propone di alfabetizzare i partecipanti ai principi della comunicazione visiva coprendo il più possibile tutti gli ambiti dell’immagine: pittura, fotografia, illustrazione commerciale, illustrazione editoriale e narrativa, cinema.
Gli iscritti apprenderanno gli strumenti necessari per orientarsi nel mondo dell'immagine affinché diventino spettatori più consapevoli delle strategie e dei meccanismi espressivi, comunicativi e narrativi dei media.

Per saperne di più scarica il comunicato stampa

Info e iscrizioni:
associazionedarte@gmail.com
oppure 334.5323274
associazione DArte

mercoledì 3 ottobre 2012

Presentazione del libro "Un mucchio di giorni così" 12.10.12


Venerdì 12 ottobre ore 18,30
presentazione del libro
Un mucchio di giorni così, ed. Quarup
di e con Angelo Calvisi
Modera Federico Di Vita

Essere lasciato dalla fidanzata e desiderare (almeno) di uccidere l'uomo con cui lei ti ha rimpiazzato, assistere a uno dei più dirompenti fatti della cronaca italiana dell'ultimo decennio (perché il G8 hanno deciso di farlo nella tua città, loro), perdere il lavoro, giocare nella squadretta di calcio del carcere e portare un soprannome che fa tanto serie A, conoscere una donna sposata (e conoscerne poi anche il marito), "senza trucco, senza orecchini", e che profuma "lievemente di arancia"…

E al di là di questo, come fosse lo scenario di un teatro di posa, "oltre la finestra c'è Genova", "parentesi lirica interrotta da una subitanea erezione", Genova quieta nel sonno o assediata nel fumo aggressivo delle molotov contro cui poco vale il limone, mentre guardi e ti dici che "con tutta questa fica" in giro "non può succedere niente di brutto". Ma poi magari quello succede, e succede anche a te in particolare. Una Genova tra i cui carruggi senti spargersi come un fluido una nenia dei Current 93 che dice a un bimbo di non piangere, o l'odore del mare…

Angelo Calvisi, che è genovese e genoano, ci presenta in questo suo Un mucchio di giorni così la storia condensata e intera del protagonista e ce la racconta in cinque momenti che la contengono o, per meglio dire, le danno senso e carattere. Tutti fatti, alla fine – tra tanti altri inessenziali – di quelli che a molti di noi capitano identici, ma che solo ad uno capitano tutti insieme.
Una traversata nel tempo, in un luogo che ha nome ed è Genova, una storia romantica comune e specialissima come è ogni vita di uomo, distillata negli attimi che la rendono se stessa e la incapsulano come un antico animale conservato per sempre nell'ambra.

Angelo Calvisi, nato a Genova nel 1967, divide i suoi interessi tra la scrittura e la recitazione.
Ha pubblicato saggi, racconti e romanzi per molti editori (ha più editori che lettori, probabilmente) e, parallelamente a questa attività, ha recitato per registi come Massimo Mesciulam, Fiammetta Bellone, Daniela Franchi, Gianluca Valentini e Paolo Dotti. Di questi lavori sono reperibili in rete inquietanti tracce, sotto forma di deliranti short. Lavora per una cooperativa sociale genovese e nel tempo libero disegna casette.

Federico Di Vita, romano, classe 1982, si è affacciato nel mondo dell'editoria a 24 anni, dopo la laurea in lettere, e con l'entusiasmo ottuso dei sognatori ha via via ricoperto il ruolo di redattore, curatore di collane e di antologie per diverse case editrici.
Per l'editore romano Round Robin ha pubblicato un libro a metà tra l'epistolario, il romanzo e il reportage di viaggio (Cronache da Siviglia, 2009) e per Effequ, assieme a Enrico Piscitelli, ha curato l'antologia Clandestina (2010). Ancora per Effequ, ancora sottopagato, ha firmato il libro Pazzi Scatenati, piccolo caso editorial-letterario dell'inverno scorso, che qualcuno ha definito una satira picaresca sul controverso mondo dell'editoria e sui suoi perversi meccanismi di sfruttamento lavorativo. Dopo questo libro-inchiesta, la sua collaborazione con Effequ è terminata e oggi, felicemente, Federico di Vita lavora in una libreria della capitale (continuando a collaborare con riviste letterarie e ad andare al cinema molto, molto di rado).

venerdì 28 settembre 2012

BUONA VISIONE

BUONA VISIONE

corso di alfabetizzazione visiva, 
con Daniele Marotta.

Strumenti per orientarsi nel mondo dell'immagine prossimamente a La Zona!


UN LIBRO UN BIGLIETTO E VICEVERSA

Fino al 14 ottobre tutti i nostri clienti hanno diritto ad un 10% di sconto sul catalogo di teatro, musica, cinema, danza e fotografia.
Presentando in biglietteria ad uno qualsiasi degli eventi di Sienafestival una prova d’acquisto (scontrino) effettuato nella libreria durante il periodo di svolgimento del Festival, si avrà diritto al 10% di sconto sul prezzo del biglietto.

La promozione non è cumulabile con le altre promozioni di Sienafestival
 
 


venerdì 14 settembre 2012

Presentazione 20000Km di Stefano Vigni, ed. Seipersei

venerdì 21 settembre ore 18,30
presentazione del libro fotografico ed. Seipersei

20000Km di e con Stefano Vigni
modera Daniele Marotta; passeggero Emilio Mariotti

Il territorio italiano è vasto e complesso. Non ci sono solo le grandi città e le autostrade di portata nazionale. C'è anche un ricco sistema di vie secondarie, provinciali e comunali, che danno modo agli italiani di raggiungere zone periferiche. E spesso usiamo queste nella nostra quotidianità. Ogni giorno ci mettiamo in viaggio, che sia per andare a lavoro, per affetto o per amore. Che si muovano informazioni, merci o uomini, alla base di questi spostamenti c'è sempre il bisogno o la necessità di interagire con gli altri. Durante il percorso possiamo trovare ostacoli, soste o interruzioni, ma la voglia di raggiungere la meta prefissa ci permette di non perdersi d'animo. 
C'è sempre la possibilità di cambiare strada.”  
- testo di Emilio Mariotti -

20000Km è un progetto di libro fotografico sulle strade italiane, le vie delle migrazioni e del grande esodo estivo, le strade dell'antico Impero Romano e il suo paesaggio in quotidiano cambiamento; un viaggio nel tempo lungo le strade italiane di ieri e di oggi. Le antiche strade romane (la via Cassia, l'Aurelia, l'Appia e la Flaminia) si intersecano nelle pagine del libro con altre strade di più recente realizzazione come la Salerno-Reggio Calabria, il Brennero e la A1. 

20000Km è uno studio neorealista delle tattiche di speculazione edilizia degli anni '70, un'odissea culturale nel patrimonio naturale italiano, un viaggio nell'Italia delle opere incompiute, una gita verso il futuro della prima autostrada a idrogeno d'Europa. 

Un libro fotografico le cui foto fuoriescono dai limiti stessi della “misura-pagina”, in cui il ritmo è scandito da segni e simboli squisitamente grafici, un labirinto per immagini. 20000Km si struttura come l'incontro tra linguaggi diversi: oltre agli scatti, il libro contiene una serie di testi brevi diversi per stile, composti da Emilio Mariotti, definito per l'occasione “passeggero” in questo viaggio sulle strade italiane. Una sorta di libro dentro il libro, di narrazione indipendente e lontana dall'essere mera descrizione delle immagini. Questo lo stimolo che ha portato a chiedere a un fumettista nonché esperto di comunicazione, Daniele Marotta, di moderare la presentazione. Una sfida a scovare ed interpretare il fil rouge tra linguaggi sì diversi.  


Stefano Vigni nasce a Siena nel 1981. Si occupa di progetti di fotografia documentaria e reportage. Studia alla Libera Accademia di Belle Arti di Firenze e all'Istituto Europeo di Design di Venezia. Collabora e lavora con Hugo Boss e IED di Milano, Le Figaro di Parigi, Millennium Images Limited di Londra, il comune di Amsterdam e il gruppo INA Assitalia. É rappresentato dall'Agenzia Emblema, fotogiornalismo in Italia. 

Emilio Mariotti nato a Siena l'11 aprile nel 1983, si rivela fin da subito come un ragazzino polemico, riflessivo e decisamente lento. Crescendo purtroppo non riesce proprio a cambiare una virgola di sé, sposta l'attenzione sul mondo che gli sta intorno. Da qui la passione per la lettura, che scade quasi nel patologico, visto che legge le etichette di qualsiasi prodotto. Incapace di suonare qualsiasi strumento, decide così di sognare di fare il critico musicale. Nel frattempo si è laureato in Scienze della Comunicazione, in Radiofonia (non chiedetegli cosa sia, perché potrebbe non rispondervi) e ha completato un Master in Giornalismo. Sarebbe anche giornalista professionista, regolarmente iscritto all'Ordine. Sarebbe.  

Daniele Marotta è nato a Orbetello nel 1972. Fumettista, studioso di comunicazione visiva e cultura pop; autore del saggio Conan e Frodo (Simonelli Editore, 2007), ha pubblicato insieme a Tiziana Lo Porto “Superzelda. La vita disegnata di Zelda Fitzgerald” (Minimum Fax, 2011) realizzandone le illustrazioni. 

scarica la locandina
scarica la newsletter


 info

mercoledì 12 settembre 2012

Promozione titoli ed. datanews



Questa settimana la zona promuove edizioni datanews!

-15% su tutti i titoli datanews presenti in libreria


Entra e sfoglia!

mercoledì 5 settembre 2012

Promozioni in corso


Questa settimana La Zona
promuove Miraggi edizioni!
 

- 15% su tutti i titoli Miraggi 
presenti in libreria



Inoltre, 15% di sconto per l'acquisto dei libri esposti sulle isole!

 

Entra e sfoglia!

martedì 28 agosto 2012

Zingarò una sartoria Rom a Carbonia

Zingarò
documentario di
Marilisa Piga, Nicoletta Nesler, Nicola Contini.

Silvana, Mariana, Violeta, Maria e Silvana (la più giovane) si preparano a diventare le prime sarte zingare della Sardegna. Insieme ad altre ragazze Rom partecipano al progetto Zingarò che, dopo un periodo di formazione, permetterà loro di inserirsi a pieno titolo nel mondo del lavoro artigianale.

Zingarò è anche il titolo del film documentario che si propone di raccontare la storia, le aspettative e la realtà a partire dalla vita quotidiana delle ragazze, tra campo nomadi e luogo di lavoro.
Il documentario filma i momenti formativi più importanti – dalle lezioni di management imprenditoriale, a quelle di italiano, ai laboratori di sartoria – che le giovani donne hanno percorso durante le fasi del loro apprendimento, naturalmente a partire dall’identità culturale dei soggetti coinvolti e quindi nel rispetto delle specificità di ciascuno.
Rappresenta l’occasione per conoscere da vicino le ragazze Rom, in genere tenute a debita distanza, e osservare momenti di vita all’interno del campo nelle attività quotidiane e nei riti sociali. Gli autori sottolineano quanto l’attività del laboratorio di cucito Zingarò sia emblematica: il mestiere della sarta, nelle sue varie fasi di lavorazione, è infatti caratterizzato da una fortissima riduzione della distanza tra le persone fino al contatto fisico, condizione questa concessa a poche professioni che hanno a che fare con la cura del corpo. Le ragazze Rom – forse in modo inconsapevole sfidano apertamente le regole della prossemica non facendo caso al comune atteggiamento delle persone nei confronti dei Rom:un misto di fastidio e diffidenza che ci allontana inesorabilmente. Il documentario potrebbe accorciare questa distanza proprio con la conoscenza ravvicinata delle abitudini di vita delle persone che racconta.

I registi e le protagoniste di Zingarò hanno trovato un accordo per una forma originale e solidale di distribuzione del documentario.
Le custodie sono realizzate a mano e contengono il prezioso DVD del documentario!
 
Disponibili presso la Libreria La Zona!

Per maggiori informazioni

venerdì 24 agosto 2012

MOSTRA INTERNO4 - I LIBRI FUORI DAI LIBRI 2002-2012

Venerdì 31 agosto ore 18,30

inaugurazione della mostra d'arte
INTERNO4 - I LIBRI FUORI DAI LIBRI 2002-2012

Dopo la tappa inaugurale del 7 maggio 2012 all'interno degli spazi della sede centrale di NdA, a Cerasolo Ausa di Coriano (RN), la mostra INTERNO4 - I LIBRI FUORI DAI LIBRI 2002-2012 sta girando la penisola attraverso le librerie indipendenti del circuito presenti in tutta Italia. 
 
La Zona ospiterà la mostra da venerdì 31 agosto fino a sabato 8 settembre
L'inaugurazione si terrà venerdì 31 agosto alle ore 18,30 - ingresso libero.

INTERNO4 - I LIBRI FUORI DAI LIBRI 2002-2012 è una mostra d’arte dedicata ai dieci anni di Interno4 e curata dall’artista Alberto Corradi, che raccoglie ventidue fra i principali disegnatori italiani, apprezzati e conosciuti anche a livello internazionale:
Alberto Corradi, Ale Giorgini, Andrea Bruno, Diavù, Francesca Ghermandi, Francesco Cattani, Gianluca Costantini, Gianluca Maconi, Giuseppe Palumbo, Guido Volpi, Luca Genovese, Matteo Guarnaccia, MP5, Nicolò Pellizzon, Onofrio Catacchio, Otto Gabos, Squaz, Ratigher, Tiziano Angri, Tuono Pettinato.


If the man is 5… then the devil is 6… then the god is 7, cantavano alla fine degli anni Ottanta gli indimenticati Pixies di Frank Black.
Escludendo la prima terna della tabella numerica, già occupata da simbologie divine, triangoli più o meno equilateri, vincitori di gare atletiche e via discorrendo, l’unico nell’ordine a restare disoccupato è il numero 4, caro a Pitagora. Il 4, emblema del moto e dell’infinito, non a caso rappresenta sia il corporeo, il sensibile, sia l’incorporeo, stretto tra il 3 e il 5, incastrato tra il codice della divinità e quello dell’umanità. Così ecco che a gettare un ponte tra sciente e onnisciente si pone un media indispensabile, il libro.
La struttura di questa mostra si dipana attraverso quattro punti focali: libri, fumetti, musica e idee. Gli autori invitati a interpretare con la loro personale visione numero e concetti celati dietro al “nostro” circuito sono artisti testimoni delle stagioni del fumetto italiano, da testate storiche come Frigidaire a Dolce Vita passando per la fantascientifica Cyborg fino a giungere a Linus, XL senza dimenticare riviste ed esperienze quali Self Comics, Canicola, Animals, Inguine Mah!Gazine e il gruppo dei Superamici. Persone connesse le une alle altre da una invisibile rete di contatti ed esperienze condivise, come la rete che collega da Sud a Nord il circuito Interno4.
Le immagini sono quindi anche un flusso temporale quasi ininterrotto che collega idealmente una storia, quella del fumetto italiano degli ultimi trent’anni con quella più giovane delle librerie Interno4, quest’anno al loro decimo anniversario.

Il curatore: Alberto Corradi, autore di fumetti, visual artist, illustratore, scrittore, vignettista, designer. Le sue storie a fumetti sono apparse in Italia, Canada, Francia, Macedonia, Portogallo, Serbia e Slovenia su riviste, antologie e progetti collettivi. Ha pubblicato l’antologia Regno di Silenzio (NPE, 2007) e il romanzo autobio-grafico Smilodonte (Black Velvet Editrice, 2007). Dal 2006 i suoi personaggi Mostro & Morto imperversano sulle pagine della rivista XL, mentre il più giovane Conte Vlad dal 2010 è una stabile presenza sulla storica testata Linus.

In occasione della mostra, NdA Press pubblica Interno4, il libro a colori che raccoglie tutte le immagini realizzate dai 22 artisti e ripercorre la storia del circuito Interno4. Disponibile in libreria.

Vi aspettiamo!
nda-interno4





martedì 24 luglio 2012

Chiusura Estiva

Informiamo i lettori che La Zona va in vacanza dal 27 luglio all'11 agosto compreso.
Buona estate a tutti! 

MoMa Drink Attitude

Giovedì 26 luglio dalle ore 19
Circolo Arci via Pispini, 18

ultimo appuntamento prima della pausa estiva con
MoMa Drink Attitude - aperitivo+dj set
l'aperitivo di Mondo Mangione, commercio equo e solidale
La Zona ci sarà, con una selezione di libri di piccola e media editoria italiana. 
 
Mondo Mangione 

mercoledì 18 luglio 2012

MoMa Drink Attitude

Giovedì 19 luglio dalle ore 19
Circolo Arci via dei Pispini 18

"Io sostengo Mondo Mangione"

MoMa Drink Attitude - aperitivo+dj set

campagna di capitalizzazione sociale

per l'occasione, allestiremo un banchetto libri.

lunedì 9 luglio 2012

un'estate al mare con un libro da sfogliare


Libri in offerta per tutta la settimana

un assaggio di titoli.. vieni a scoprire gli altri!










L'arte di ottenere ragione, A. SCHOPENHAUER – Adelphi euro 8,00
Bartleby. La formula della creazione, G. DELEUZE, G. AGAMBEN – Quodlibet euro 8,00
Camera oscura, S. AGNELLO HORNBY – Skira euro 15,00
Coltiviamo la città, M. ACANFORA – Ponte alle grazie euro 9,00
Hicksville, D. HORROCKS – Black Velvet euro 22,00
Vuol vedere Praga d'oro?, B. HRABAL – Guanda euro 8,00
Pazeroticus, A. PAZIENZA – Fandango euro 25,00
Il ritorno degli dei. Opere di Antonio Mora, F. PESSOA - Quodlibet euro 24,00
Viaggi in Grecia, G. DE CARLO – Quodlibet euro 20,00
Suzy Lee. La trilogia del limite, S. LEE – Corraini euro 20,00
La deformazione dello spazio, A. VIDLER – Postmedia books euro 21,00
Amate l'architettura, G. PONTI – Rizzoli euro 30,00
Music-Hall!, G. SOUCY – Marcos y Marcos euro 17,50
Pecore vive, C. SUSANI – Minimum fax euro 9,50
Le notti sull'isola, R.L. STEVENSON – Datanews euro 10,00
Penultimo nome di battaglia, R. ARGEMÍ – la Nuova Frontiera euro 10,00

Ai prezzi indicati deve essere applicato lo sconto del 15%



mercoledì 27 giugno 2012

presentazione Yugoland - in viaggio per i Balcani

mercoledì 4 luglio ore 18,30

presentazione del libro
Yugoland - in viaggio per i Balcani di Andrea Ragona e Gabriele Gamberini
edizioni BeccoGiallo

Saranno presenti l'autore Andrea Ragona e Guido Ostanel, editore.
Conduce Giuseppe Gori Savellini

Yugoland è una guida enopolitica fatta di incontri, foto, interviste, fumetti, spiagge, resoconti musicali e consigli gastronomici.

"La Jugoslavia è una bici. Il manubrio è la Croazia, perchè la sua guida, il Maresciallo Tito, era croato. Il telaio, la struttura portante, è la Serbia. I pedali, motore economico del tutto, la Slovenia.
Le ruote, amalgama delicato di aria, acciaio e gomma, sono la Bosnia. La sella, che si sfila senza clamore, il Montenegro. La catena, piccola parte a servizio del tutto, la Macedonia. E infine il campanello: il Kosovo. Nel 1989 si è messo a suonare.
Ma nascosto dal frastuono del Muro che cadeva, nessuno l'ha sentito".

Questo libro è un invito a partire. Come un taccuino pieno di tasche dove infilare gli indirizzi raccolti per strada, i pezzi di vita attraversata, le foto rubate, le matite, gli acquerelli.
Buon viaggio a tutti.
(dalla prefazione di Luka Zanoni, Osservatorio Balcani e Caucaso)


scarica la locandina 
Edizioni BeccoGiallo 

giovedì 21 giugno 2012

Altraterra Festival di musica popolare

Altraterra 2° edizione - festival di musica popolare

Venerdì 22 Giugno
- ore 21,30 concerto dei “PANeROSE”

Sabato 23 Giugno
- ore 17,00 laboratorio per i più piccoli sul riciclaggio
- ore 21,30 concerto de “i Suonatori della Boscaglia”

Domenica 24 Giugno
- ore 15,00 workshop di Teatro con Barbara Engelmann
- ore 21,30 concerto dei “Dal Nostro Canto”

22-24 Giugno
- tutto il giorno – Livepainting di Francesco del Casino

TUTTE LE SERE, SI MANGIA E SI BEVE A KM 0!!!!

Venite a trovarci sabato 23 dalle ore 19, saremo presenti con una selezione di libri di piccola e media editoria! 

info
altramente asciano

mercoledì 13 giugno 2012

Mare Chiuso | proiezione pubblica [20.06.2012]

20 giugno 2012, ore 21
 
Mare Chiuso 
di Stefano Liberti e Andrea Segre
Italia 2012, 60 min.

proiezione a ingresso libero
(fino a esaurimento posti disponibili)

In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, la libreria La Zona aderisce alla campagna Mai più respinti, promossa da ZaLab in collaborazione con Open Society Foundations e Amnesty International Italia.

Il 20 giugno 2012, con più di 80 proiezioni contemporanee in tutta Italia (vedi la lista completa), cittadini, associazioni, cooperative, cinema, piazze, scuole, librerie, centri culturali, chiedono insieme che l'Italia si impegni ufficialmente a non fare MAI PIU' RESPINGIMENTI.


Mare chiuso

Tra maggio 2009 e settembre 2010 oltre duemila migranti africani vennero intercettati nelle acque del Mediterraneo e respinti in Libia dalla marina e dalla polizia italiana;  in seguito agli accordi tra Gheddafi e Berlusconi, infatti, le barche dei migranti venivano sistematicamente ricondotte in territorio libico, dove non esisteva alcun diritto di protezione e la polizia esercitava indisturbata varie forme di abusi e di violenze.

Non si è mai potuto sapere ciò che realmente succedeva ai migranti durante i respingimenti, perché nessun giornalista era ammesso sulle navi e perché tutti i testimoni furono poi destinati alla detenzione in Libia. Nel marzo 2011 con lo scoppio della guerra in Libia, tutto è cambiato. Migliaia di migranti africani sono scappati e tra questi anche rifugiati etiopi, eritrei e somali che erano stati precedentemente vittime dei respingimenti italiani e che si sono rifugiati nel campo UNHCR di Shousha in Tunisia, dove li abbiamo incontrati. Nel documentario sono loro, infatti, a raccontare in prima persona cosa vuol dire essere respinti; sono racconti di grande dolore e dignità, ricostruiti con precisione e consapevolezza. Sono quelle testimonianze dirette che ancora mancavano e che mettono in luce le violenze e le violazioni commesse dall'Italia ai danni di persone indifese, innocenti e in cerca di protezione. Una strategia politica che ha purtroppo goduto di un grande consenso nell'opinione pubblica italiana, ma per la quale l'Italia è stata recentemente condannata dalla Corte Europea per i Diritti Umani in seguito ad un processo storico il cui svolgimento fa da cornice alle storie narrate nel documentario.


Guarda il trailer
Scarica la locandina oppure la scheda completa del film
Maggiori informazioni sul blog dell'iniziativa o sul sito di ZaLab

Segnaliamo inoltre una serie di contenuti disponibili online @ Lavoro Culturale:
Interviste ad Andrea Segre su "Mare Chiuso" e su "Il sangue verde"
Una recensione al suo film di fiction "Io sono Li"


Vi aspettiamo mercoledì prossimo(puntuali!)

martedì 5 giugno 2012

Presentazione RSVP di Alessandra Cava [12.06.2012]


Martedì 12 giugno ore 18
Poesia di ultima generazione

Presentazione del libro
RSVP di Alessandra Cava
ed. Polìmata 2011

Interviene Cecilia Bello Minciacchi
Letture di Alessandra Cava

segue piccolo aperitivo

Scarica la locandina
Vai al sito di Polìmata



Incanto e ardore. Con l’incanto e con l’ardore della giovinezza, della ricerca dell’altro, del ricordo, dell’esperienza e del tempo, della scrittura e della parola, si misura il libro d’Alessandra Cava. Incanto e ardore vivono nella pronuncia della voce poetica, nel suo calore e nelle sue singole sillabe, e insieme sono spettri non pacifici, da affrontare e tenere a bada. Frantumi di immagini cercano la tessitura degli «anni gentili», i nostri anni «dell’età buona»; gli anni, «indicativi / presenti, muscolo lingua che sbava disegni sull’incanto dello stare / dove i muri si incontrano, nel tutto finito».

In Ada o ardore di Nabokov, quello straordinario romanzo denso e stratificato da cui è tratta l’epigrafe di rsvp che definisce «il Passato un costante accumulo di immagini...», Van, quando inizia a ricostruire il suo passato più profondo, si accorge presto che «i particolari della sua infanzia veramente importanti potevano essere meglio trattati, non di rado potevano essere solamente trattati, quando riapparivano in vari stadi successivi della sua infanzia e giovinezza, come improvvise giustapposizioni che ridestavano la parte ridando vita al tutto». Giustapposizioni di luoghi e oggetti, gesti ed emozioni che nei testi di rsvp costruiscono e attraversano la «lenta sedimentazione dello scorrere».

(dalla postfazione di Cecilia Bello Minciacchi)


Alessandra Cava è nata a San Benedetto del Tronto nel 1984. Vive a Bologna e fa parte di Altre Velocità, gruppo di osservatori e critici delle arti sceniche. Suoi testi poetici sono comparsi su «Il Verri» e «Alfabeta2». rsvp (Polìmata 2011) è la sua prima raccolta.

domenica 20 maggio 2012

ISOLE - ultima giornata [24.05.2012]

ISOLE

Quattro itinerari possibili nel documentario italiano





Programma della quarta ed ultima giornata



ore 15 + replica ore 17 e ore 21

"Essere donne"

di Cecilia Mangini
   
[1965 - 29’] 


Il documentario è tra le prime indagini cinematografiche sulla condizione femminile in Italia, analizzata nei suoi diversi aspetti: economici, sociali, psicologici, di costume.
Partendo dai modelli femminili proposti dall'industria culturale - le dive del cinema e le modelle dei settimanali di moda - il film ricerca le sue protagoniste tra le donne vere, di tutte le età e di tutte le regioni: operaie che lavorano nelle fabbriche, contadine, lavoratrici a domicilio, braccianti, emigranti, casalinghe, donne anziane e ragazze giovanissime che accudiscono ai lavori di casa e alla sorveglianza dei bambini mentre le madri sono al lavoro; lavoratrici che partecipano alle lotte sindacali per la difesa del posto di lavoro, contro i licenziamenti, contro lo sfruttamento nelle fabbriche e nelle campagne, contro il ricorso al lavoro a domicilio per violare le leggi e lavoratrici che partecipano alle lotte per la pace, per la difesa della libertà e della democrazia, insieme a tutti i cittadini democratici e progressisti.
(Un particolare ringraziamento all'Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico) 

Scarica la scheda del film
Cecilia Mangini racconta la storia di "Essere Donne" (video)



ore 15.30 + replica ore 17.30 e ore 21.30

“Di tessuti e di altre storie”

di Teresa Paoli
  
[2010 - 53’] 


Un'intera comunità che fondava la propria economia sull'industria tessile, travolta dal tornado della globalizzazione e dai contraccolpi della crisi internazionale, è costretta a ripensare il proprio modo di vivere e di lavorare. Le storie di Luciano, Manuela, Salvatore. Storie che parlano di una vita da reinventare, di cose che si perdono e cose che si conquistano, inaspettatamente.
Un viaggio nella città di Prato, città simbolo di un’Italia fatta di province ricche e prosperose, polo di attrazione di migliaia d’immigrati e sede della più grande comunità cinese d’Europa. Ora al centro di un riordino sociale e morale senza precedenti.

Scarica la scheda completa del film
Guarda il trailer



ore 18.30 circa
Incontro pubblico con le registe Cecilia Mangini e Teresa Paoli.

Presentazione del libro “Con ostinata passione. Il cinema documentario di Cecilia Mangini” di Gianluca Sciannameo (Edizioni Dal Sud, 2011); sarà presente l'autore.


ore 21
Ultima replica dei film.


Nota
L'ingresso è libero.
Per motivi di spazio si raccomanda la prenotazione all’indirizzo mail lazona@interno4.com entro il giorno precedente ciascun appuntamento.

Tutte le proiezioni e gli incontri si terranno presso la libreria La Zona, in via Provenzano Salvani 8 (traversa Via dei Rossi) Siena. 

venerdì 18 maggio 2012

Isole I Teaser #2



video
ISOLE | Teaser #2
Quattro itinerari possibili nel documentario italiano
video: Lorenzo Pallini

domenica 13 maggio 2012

ISOLE - terza giornata [17.05.2012]

ISOLE

Quattro itinerari possibili nel documentario italiano





Programma della terza giornata


ore 15 + replica ore 17 e ore 21
"A Mao e a Luva"
(Storia di un trafficante di libri)
di Roberto Orazi   
[2010 - 70’]  


Nord est del Brasile, stato del Pernanbuco. Siamo in una delle aree più povere e carenti della città di Recife, la favela Pina. Questo è lo scenario del film, che racconta la storia di Ricardo Gomes Ferraz, 35 anni, meglio noto come KCal.
Ai margini del fiume dove la favela si estende, KCal poeta e musicista, ha trasformato la sua casa, una palafitta sospesa sull’acqua, in una biblioteca per i bambini della sua comunità. Sacrificando le sue poche risorse, per oltre 15 anni ha comprato libri usati nel luoghi più disparati del centro della città. La biblioteca, diventa il punto di ritrovo di centinaia di bambini e adulti, un luogo dove sognare non è proibito, dove la fantasia viaggia in altri luoghi diversi dagli scenari della favela. La droga e la prostituzione, minacciano l’esistenza del quotidiano. Un libro trovato per caso a 16 anni, ha trasformato la sua vita, “A MAO E A LUVA” di Machado de Assis, da quel giorno KCal non ha mai smesso di nutrirsi di cultura e di regalarla ai suoi ragazzi. Il 25 Marzo del 2008, quest’uomo che si definisce “ Un Trafficante di Libri”, riceve un importante riconoscimento per la sua attività svolta negli anni: il premio “Faz Diferenca” per la categoria ”sociale”, lo stesso premio che nel 2003 riceveva Luiz Inacio Lula da Silva , oggi Presidente del Brasile. Nell’Aprile del 2009, il Ministro della Cultura Brasiliano Juca Ferreira, riconosce l’opera di Ricardo Gomes Ferraz. Nasce così un progetto governativo che vede moltiplicarsi le biblioteche nelle favelas. Dalla "Livroteca Os Guardioes" fondata da KCal, oggi altre 514 biblioteche sono attive in tutto il Brasile.


Guarda il trailer


+ proiezione 2 doc storici 

ore 18.30
Al termine delle proiezioni incontro aperto con il regista Roberto Orazi e lettura delle poesie inedite di Kcal a cura di Alfonso Diego Casella. 

ore 21
Ultima replica del film 

Nota
L'ingresso è libero.
Per motivi di spazio si raccomanda la prenotazione all’indirizzo mail lazona@interno4.com entro il giorno precedente ciascun appuntamento.

Tutte le proiezioni e gli incontri si terranno presso la libreria La Zona, in via Provenzano Salvani 8 (traversa Via dei Rossi) Siena.